Energia Universale Roberto Sacchetto Pranopratica Pranoterapia - Roberto Sacchetto Pranopratica Pranoterapia a Masate

Pranopratica Roberto Sacchetto
Pranopratica Sacchetto Roberto
Vai ai contenuti

Energia Vitale Universale

Il compito svolto dai Chakra è quello di accumulare l'Energia Vitale all'interno del corpo al fine di favorire lo sviluppo personale e la salute. In questo contesto entra in gioco un concetto proprio della tradizione Yoga, il Prana. Con questo termine si intende la forza primordiale di tutte le manifestazioni della natura, ovvero l’Energia Vitale universale.
L’essere umano è costantemente circondato da Prana; il Prana non anima soltanto il corpo, ma anche l’anima e lo spirito. Per i principianti, l’Energia Vitale originaria non è esperibile tanto facilmente, sebbene i suoi effetti siano facilmente riconoscibili in natura sotto forma di luce, calore, magnetismo ecc. Nel corpo, il Prana si manifesta come la forza che fa battere il cuore, che mantiene attiva la circolazione sanguigna e che rende possibile il funzionamento del metabolismo e il rinnovamento cellulare.
Attraverso lo sviluppo dei Chakra l’Energia corporea umana potrà essere caricata di Prana. L’Energia Vitale universale si accumula in modo particolarmente agevole nel centro del plesso solare e da lì, con l'ausilio di una guida, è possibile indirizzarla in tutte le parti del corpo.
Sebbene attraverso il sonno, la luce, il calore, il nutrimento e il respiro il corpo si carichi in modo naturale di Prana, è possibile aumentare ulteriormente l’Energia Vitale in modo consapevole. Unitamente ad esercizi di meditazione e di visualizzazione, risulta particolarmente efficace il Pranayama. Tale pratica consiste nel guidare l’Energia Vitale attraverso diverse tecniche respiratorie.
Ricordiamoci che l'Energia Vitale universale:

  • esiste ed è presente in ogni essere vivente animale o vegetale;
  • può trovarsi in uno stato di maggiore o minore equilibrio; nel primo caso c’è benessere, nel secondo malessere. Un minore equilibrio non sempre indica una carenza di prana, poiché anche un eccesso genera malessere.
  • può essere trasmessa dal corpo dell’operatore pranopratico al corpo del ricevente.
I cinesi la chiamano Chi, il nome indù è prana. Entrambe le energie vengono considerate rappresentanti di quella forza vitale e sottile che sostiene tutta la vita.

Alcuni sistemi della medicina cinese postulano l’esistenza di cinque tipi di Chi originale o prenatale:

·         Chi degli organi
·         Chi degli organi viscerali
·         Chi difensivo o “estrinseco”
·         Chi costruttivo o “intrinseco”
·         Chi nocivo (sotto forma di agenti patogeni che invadono il corpo dall’esterno)

Altri ancora denominano il Chi secondo gli elementi. Nel Feng shui esistono cinque elementi:

  • legno
  • acqua
  • fuoco
  • metallo
  • terra

Sistemi differenti enumerano tipi diversi di Chi. Allo stesso modo, molti sistemi indù insegnano cinque tipi di prana anch’essi correlati agli organi:

  • prana
  • apana
  • ayan
  • udana
  • samana

Tutte le tradizioni antiche da migliaia di anni ci parlano di un’energia che permea tutte le cose, che dà vita all’universo, a tutti gli esseri viventi e non viventi che lo abitano.

Tutto ciò che siamo e che ci circonda è energia.

Pranopratica di Sacchetto Roberto
Via G. Matteotti 9/b - Masate (Mi)
P.Iva 09338900963  - Tel. 340.510.90.70
Torna ai contenuti